Contest, Ricette

Involtini di carpaccio

La ricetta che proponiamo oggi, ovvero gli involtini di carpaccio, aiuta a ricordare che aprire il frigorifero nei giorni roventi di questa estate incandescente non serve solo per avere qualche secondo di improvviso e intenso refrigerio, ma che potrebbe darci l’ispirazione per un pasto leggero e freschissimo.

Ebbene, si fa presto a dire involtini! In questo caso non dovete pensare ai tanto adorati involtini al sugo che, in questi giorni eccezionalmente caldi, sarebbero troppo impegnativi. La proposta che vi facciamo oggi unisce un classico piatto italiano che va per la maggiore in questa stagione (e non solo) e un modo tutto vietnamita di preparare gli involtini.

Immaginate un carpaccio classico con fettine di carne freschissima e tenera, della rucola profumata e piccantina, con l’immancabile tocco del Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi. Ora veniamo allo step successivo: immaginate una sfoglia di riso che, con una leggera trasparenza, avvolge delicatamente tutti gli ingredienti appena citati. Immaginate quindi voi stessi ad una cena, ad un pranzo, durante un aperitivo, un buon bicchiere di vino fresco in una mano e un involtino di carpaccio nell’altra. Non vi sembra una scena perfetta?

Gli involtini di carpaccio si preparano con una semplicità che definirei sconvolgente, e altrettanto sconvolgenti saranno la freschezza e l’intensità del gusto racchiuso da quel sottilissimo e trasparente velo di riso.

Vi serviranno pochi ingredienti, ma in grandi quantità! Sì, perché vi assicuro che gli involtini di carpaccio andranno letteralmente a ruba tra i vostri ospiti!

involtini di carpaccio_2

Ingredienti per 6 persone:

100 g di Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi da cui ricaverete delle scaglie

12 sfoglie di riso quadrate (acquistabili nei supermercati o in negozi di cibi etnici)

12 fette di carpaccio (la carne DEVE essere freschissima e tagliata molto sottile)

1 bel mazzo di rucola fresca

pasta di wasabi qb (la quantità di questo ingrediente dipende molto da quanto lo amate)

olio evo qb

sale qb

qualche goccia di limone bio (facoltativa, ma consigliata)

Procedimento:

Lavate e asciugate bene la rucola. Conditela con un po’ di sale e qualche goccia di limone.

In una ciotola unite un po’ di olio evo con della pasta di wasabi e stemperate. Ricordate che la pasta di Wasabi ha un gusto molto forte, quindi regolate la quantità secondo il vostro gusto e quello dei vostri ospiti.

Con l’aiuto di un pennello, spalmate la crema di olio e wasabi su ogni fetta di carpaccio.

Munitevi di una ciotola con dell’acqua fredda, un tagliere e un piatto da portata… e preparatevi a ripetere 12 volte le operazioni che sto per illustrarvi.

Immergete una sfoglia di riso nell’acqua per pochi secondi. Estraetela e appoggiatela sul tagliere. La sfoglia, grazie all’azione dell’acqua, sarà ora leggermente appiccicosa, molto elastica e perfettamente gestibile.

Adagiate una fetta di carpaccio sulla sfoglia, poi la rucola e quindi le scaglie di Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi.

Ora arriva il bello: dovete chiudere l’involtino!

Ripiegate la sfoglia portando tre angoli al centro. In questo modo otterrete un rettangolo con un lato ancora aperto (dovrete ottenere qualcosa di simile ad una busta da lettera aperta). Arrotolate l’involtino partendo dalla parte già chiusa, terminando con l’angolo di sfoglia che avevate ancora libero. In questo modo sarete sicuri che nulla sfuggirà dal prelibato bocconcino!

Vi preannuncio che, non appena avrete terminato il primo involtino, sarete così soddisfatti e curiosi che avvertirete un prepotente impulso ad addentare immediatamente la vostra opera culinaria!

Francesca e Giovanna

involtino di carpaccio

Con questa ricetta partecipiamo (con grande entusiasmo!) al Contest 4COOKING #PRchef2015

badge

 

 

 

 

Recommended

Leave a Comment